3 regole (fondamentali) per miscelare i liquidi della sigaretta elettronica in maniera corretta.

3 regole (fondamentali) per miscelare i liquidi della sigaretta elettronica in maniera corretta.

Una delle attività preferite dagli svapatori più esperti è quella di miscelare i liquidi. Ecco i principi basilari.

Il liquido per la e-cigarette fatto in casa non è nocivo, è semplicemente la versione homemade di quello che in genere viene comprato negli shop. Per miscelare i liquidi sigaretta elettronica “fatti in casa” vengono utilizzati più o meno gli stessi ingredienti ma è possibile definire più caratteristiche da dare al liquido per rendere la svapata più personale.

Chi decide di imparare può gestire i vari ingredienti con molta flessibilità, si può partire da un liquido base e poi fare esperimenti stabilendo anche una certa percentuale di aroma nel liquido base, appunto.

Sicuramente il liquido della sigaretta elettronica fa male se non si stabiliscono le dosi  o gli ingredienti giusti o non si seguono le indicazioni più importanti. 

liquido e sigaretta eletronica

Si tratta comunque di qualcosa di delicato in cui cimentarsi con pazienza

Miscelare i liquidi sigaretta elettronica in base ai propri gusti, può essere considerata una soluzione creativa oltre che rivelarsi economica se sviluppata con attenzione.

Allora perché non cimentarsi in una nuova avventura e scoprire il piccolo alchimista che vive in noi?

In questa piccola guida vengono offerti i suggerimenti basilari e le regole fondamentali per miscelare i liquidi.

Dallo shop di Terpy, abbiamo pensato che anche un piccolo elenco con i punti essenziale poteva essere una buona idea per quelli che alle prime armi devono innanzitutto capirci qualcosa.

Per chi ha più esperienza cercheremo anche di approfondire, in ogni caso le informazioni risultano importanti per chiunque voglia provare a creare il proprio liquido.

Miscelare i liquidi della sigaretta elettronica con i suggerimenti di Terpy

Questi sono i classici accessori da utilizzare per miscelare i liquidi sigaretta elettronica: 

  • Il contenitore che in cucina viene utilizzato per misurare i liquidi
  • I guanti monouso per proteggersi da sostanze il cui contatto non è necessario
  • Una siringa senza punta
  • Un flacone richiudibile e di dimensioni adeguate, perché servirà proprio nel miscelare

Altri flaconi, volendo più piccoli, per travasare la base eliquid. Soprattutto nel caso in cui si voglia tentare di strutturare liquidi di gusti differenti.

Leggi anche: Sigaretta elettronica: i liquidi con e senza nicotina preferiti dai clienti Terpy.it

Da 60 o 100 ml sarebbero perfetti (queste sono le dimensioni trasportabili anche negli aerei)

Infine, il caro pennarello indelebile o qualche etichetta adesiva per trascrivere i dettagli utili da ricordare sui vari liquidi.

Sicuramente bisognerà riportare la data di preparazione, quali aromi sono stati usati, il rapporto VG/PG e se fosse presente, anche la quantità di nicotina.

Quando ci chiediamo come miscelare i liquidi sigaretta elettronica non dobbiamo immaginare che questa sia la parte più difficile, anzi, è quella più divertente!

Sono tre gli elementi su cui vogliamo portare l’attenzione, le tre regole da suggerirvi:

  • bisogna cercare di avere una buona base neutra
  • scegliere gli aromi che si preferisce utilizzare
  • ma soprattutto lasciar riposare
conosci le regole

Per miscelare i liquidi sigaretta elettronica e avere un buon risultato bisogna innanzitutto occuparsi di realizzare una base equilibrata.

Questa viene chiamata anche base neutra per un motivo specifico: non ha gusto e non contiene aromi.

Bisogna decidere la quantità della base neutra che si vuole realizzare e quindi le percentuali di Glicole Propilenico e Glicerina Vegetale.

Per gli aromi da scegliere,secondo Terpy, la concentrazione ideale è del 10%, mentre per la nicotina nessuno può pronunciarsi se non la persona che poi utilizzerà i liquidi. 

I livelli medio, basso e alto sono relativi ma in teoria si potrebbero considerare con bassa quantità i liquidi che hanno un livello di nicotina fino a 6 mg, medio livello fino a 12 mg e alto dai 12 mg in su.

Infine, dopo aver capito come miscelare il liquido sigaretta elettronica (homemade), preparato tutto, utilizzato gli ingredienti e agitato il composto, rimane una sola cosa da fare: lasciate riposare.

Gli ingredienti devono amalgamarsi, creare un certo legame tra loro, avere il tempo di “rielaborare il processo”… questo passaggio è importante come tutti gli altri.

E’ il passaggio che permette alla miscela composta di ottenere il sapore a cui si aspirava.

Leggi anche: Ricaricare la sigaretta elettronica con il caricatore del telefono: quali sono i rischi?

Miscelare liquidi sigaretta elettronica può essere una bella esperienza

L’ e-liquid fai da te ha stimolato qualcosa in tante persone; da una parte è la possibilità di creare un’alternativa personale alle sigarette e dall’altra rappresenta la voglia di smettere con la nicotina, sono questi i fattori determinanti.

Potrebbe essere che non basteranno quantità incredibili di ricerche, infiniti esperimenti e litri di liquido sprecati  per arrivare esattamente al risultato desiderato, ma forse questo riguarda i perfezionisti!?

Noi daremo per scontato che dopo prove ed errori, chiunque potrà diventare il fornitore preferito di se stesso.

Fabbricare le cose ci dà la possibilità di vivere una nuova esperienza nell’epoca industriale (in cui i bambini dicono che il latte di mucca viene dal supermercato).Si tratta di un senso di autonomia per la propria sussistenza, come quando compriamo la farina e facciamo il nostro pane in casa.