Come pulire le resistenze (e l’atomizzatore) della sigaretta elettronica

come pulire le resistenze e l'atomizzatore della e-cig

Vorresti conoscere i migliori metodi di pulizia per le resistenze e l’atomizzatore della e-cigarette? Ecco di quali si tratta

Quando utilizzi la tua e-cigarette, una parte dei liquidi e degli aromi svapo si accumulano sul dispositivo, influenzando negativamente le successive esperienze di vaping.

In particolare, le componenti dei liquidi che sporcano maggiormente le resistenze sono la glicerina vegetale e gli aromi più scuri e densi.

Lasciare che queste sostanze si accumulino, significa utilizzare un dispositivo che produrrà un quantitativo di vapore inferiore alla norma e che, anche utilizzando i migliori liquidi per sigaretta elettronica, genererà un fastidioso retrogusto di bruciato o di altri aromi utilizzati in passato.

Detergere correttamente e costantemente sia le resistenze sia l’atomizzatore della sigaretta elettronica è quindi fondamentale

Continuando a leggere potrai scoprire come pulire le resistenze della tua sigaretta elettronica al meglio.

Ecco le nostre dritte!

acqua corrente per lavare le coil della e-cigarette

Perché pulire la resistenza e l’atomizzatore della sigaretta elettronica è molto importante?

La corretta pulizia dell’atomizzatore e delle resistenze della sigaretta elettronica è il primo passo per garantire una buona esperienza di vaping, specialmente con il passare del tempo.

Alcuni vapers, però, sottovalutano questo aspetto e si limitano a sostituire periodicamente la resistenza dell’atomizzatore.

In realtà, procedendo in questo modo è frequente che l’aroma dell’ultimo liquido continui a persistere, specialmente quando si utilizzano liquidi tabaccosi, mentolati o con altri gusti persistenti come la cannella, il caffè o il melone.

Come procedere, dunque?

Bisogna armarsi di un po’ di pazienza e di qualche detergente e, con la pratica, la pulizia delle resistenze e degli atomizzatori diventerà un’operazione sempre più veloce e intuitiva.

Ecco le procedure.

Leggi anche: Sigaretta elettronica usata: ecco perché potrebbe rivelarsi un passo falso

Come pulire l’atomizzatore della sigaretta elettronica

Per questione di praticità, partiremo con il parlare della pulizia dell’atomizzatore, poiché le coil (o resistenze) si trovano proprio al suo interno.

Per prima cosa svuota eventuali residui di base e-liquid ed estrai la resistenza, dopodiché smonta tutti i pezzi dell’atomizzatore, facendo molta attenzione a come sono assemblati (in modo da essere certo di riuscire a ricomporli). 

Per evitare di perdere qualche pezzo, ti consigliamo di munirti di un contenitore. 

Esistono diversi modi per pulire le componenti dell’atomizzatore, ma qui ti parleremo in particolare dei due metodi più semplici ed efficaci:

  • il risciacquo;
  • l’utilizzo della lavatrice a ultrasuoni.

Nel primo caso, ciò che devi fare è smontare il serbatoio e separare le componenti.

A questo punto fai scorrere un getto di acqua tiepida sopra ogni pezzo (attenzione però, prima ricordati di chiudere lo scarico del lavandino), poi asciuga ogni pezzo con un po’ di carta assorbente e, prima di riassemblare il dispositivo, assicurati che tutti i pezzi dell’atomizzatore si siano completamente asciugati.

Questo sistema è sufficiente quando l’atomizzatore non è eccessivamente sporco. In caso contrario, potrebbe essere necessario utilizzare dei detergenti.

Il modo migliore per ottenere un atomizzatore davvero pulito, però, è utilizzare la lavatrice a ultrasuoni, un dispositivo facilmente reperibile anche online, che di solito viene utilizzato nel settore della gioielleria.

Utilizzare questo strumento è facilissimo. 

Ti basterà riporre gli elementi dell’atomizzatore che intendi pulire all’interno di un cestello, che poi riporrai nell’apposita vaschetta (precedentemente riempita d’acqua con una o due gocce di detergente) e impostare la durata del lavaggio.

La pulizia delle componenti avverrà tramite un processo chiamato cavitazione, ossia la formazione di piccolissime bolle di vapore che, raggiungendo ogni piccolo spazio delle componenti dell’atomizzatore e implodendo, riescono a disinfettare e pulire in modo meccanico anche gli spazi più nascosti.

Ma ora passiamo alle coil.

spazzolino e sapone neutro per pulire le coil rigenerabili

Come pulire la resistenza della sigaretta elettronica

La pulizia delle coil, o resistenze, dev’essere eseguita in modo diverso a seconda delle componenti che si hanno sotto mano. 

Esistono, infatti, le resistenze sostituibili e quelle rigenerabili.

Resistenze sostituibili

Se la tua e-cigarette è dotata di testine sostituibili, magari con serbatoi sub ohm, puoi procedere alla pulizia per migliorare la tua esperienza di svapo, ma con la consapevolezza che sarà difficile rimuovere ogni residuo dei liquidi svapo.

Come fa intuire il nome stesso, infatti, periodicamente queste componenti devono essere sostituite.

Puoi lasciare le resistenze in ammollo, in modo che le incrostazioni di liquido e gli aromi per sigaretta elettronica più persistenti si possano ammorbidire, dopodiché puoi strofinare un po’ di carta assorbente. Prima di rimontare questa componente nella tua e-cig, assicurati che sia completamente asciutta.

Resistenze rigenerabili

Se possiedi una e-cigarette con atomizzatore rigenerabile, puoi procedere alla pulizia della resistenza con una pratica molto diffusa, chiamata dry burn.

La prima cosa da fare è estrarre gli stoppini dalla resistenza. 

Una volta tolto il cotone, puoi attivare la coil tramite il tasto di accensione della tua box, in modo tale che tutti i residui di liquido in essa presenti si possano letteralmente bruciare. Grazie a questo procedimento, infatti, sarà molto più facile rimuoverli.

Alcuni vapers, però, non amano questa pratica, in quanto sostengono che possa alterare le caratteristiche fisiche e chimiche della resistenza.

In alternativa, quindi, estraggono la coil dalla sigaretta elettronica e la risciacquano sotto l’acqua corrente.

Se l’acqua non dovesse bastare, si può strofinare delicatamente la coil con uno spazzolino morbido e un po’ di detergente neutro o per i piatti.

In questo caso, è molto importante assicurarsi di risciacquare la resistenza perfettamente, per evitare di ritrovarsi a svapare residui di sapone.

Leggi anche: Studio USA: nessuna relazione tra e-cig e Covid-19

Per concludere

Quelli di cui ti abbiamo parlato in questo articolo sono i principali metodi di pulizia delle coil e degli atomizzatori delle sigarette elettroniche, ma non sono gli unici.

A seconda del dispositivo per lo svapo che si ha sotto mano, infatti, c’è chi preferisce un metodo piuttosto che un altro.

Qualsiasi metodo deciderai di utilizzare, però, ricorda che la pulizia delle componenti della e-cigarette è fondamentale per poter godere a pieno delle prestazioni del dispositivo e degli aromi tabaccosi, fruttati, o di qualsiasi altro genere che deciderai di utilizzare.

A questo punto, sperando che il nostro articolo ti sia stato utile, ti invitiamo a dare un’occhiata al nostro store Terpy.it.

Nel nostro negozio online, dedicato al mondo dello svapo, potrai scegliere tra diverse tipologie di e-cigarettes, liquidi già pronti (con o senza nicotina liquida), oppure tutte le componenti per realizzare le tue miscele personalizzate.

La vasta scelta di prodotti Terpy ti aspetta. A presto!