Come effettuare una corretta pulizia dell’atomizzatore della sigaretta elettronica.

Come effettuare una corretta pulizia dell’atomizzatore della sigaretta elettronica.

Pulizia atomizzatore sigaretta elettronica: una buona abitudine che permetterà al personal vapouriser di mantenere prestazioni ottimali per lungo tempo.

Mantenere la propria sigaretta elettronica pulita dovrebbe essere la prassi per ogni svapatore. Questo ti permetterà di godere pienamente del viping, conservando a lungo ottimi standard di tiro.

Anche se i liquidi da svapo non tendono a danneggiare le componenti meccaniche ed elettroniche del dispositivo, questi lasciano dei residui che, utilizzo dopo utilizzo, si accumulano e riducono le prestazioni della tua e-cigarette

Non solo, in alcuni casi i dispositivi più nuovi possono avere atomizzatori e serbatoi che emanano uno strano odore di olio per macchine, dunque una bella pulizia sarà il modo migliore per garantirsi un’esperienza da svapo soddisfacente e senza strani inconvenienti.

Se hai scelto di procedere per la pulizia dell’atomizzatore è importante che tu conosca le parti da cui è composto:

  1. Boccaglio, detto Drip tip, dove appoggi le labbra per aspirare;
  2. Serbatoio, detto Tank, che costituisce la parte contenente i liquidi per sigaretta elettronica;
  3. Resistenza, detta Coil, la parte che si scalda per permettere la vaporizzazione del fluido;
  4. Base, chiamata anche connettore, che collega l’atomizzatore alla batteria in modo tale da permettere alla resistenza di riscaldarsi.

Il nostro Blog di Terpy su e-liquid e terpeni cerca di trattare il mondo dello svapo a 360°, dandoti informazioni fresche e sempre aggiornate, a prescindere dai nostri interessi e prodotti aziendali.

Di seguito andremo a spiegare come pulire ogni singola parte del tuo atomizzatore. 

acqua scorre dal rubinetto

Come procedere per la pulizia dell’atomizzatore in 3 semplici mosse

In primo luogo, per pulire il tuo dispositivo da svapo dovrai smontare l’atomizzatore e separarlo da tutte le sue componenti. Fatto questo potrai procedure con una pulizia generale. Ogni parte dell’atomizzatore richiederà una ripulitura leggermente differente, ad esempio:

  1. Il boccaglio, all’interno può essere lavato un cotton fioc imbevuto di acqua calda e una goccia di detersivo per piatti, mentre all’esterno può essere disinfettato con dell’alcool; 
  2. Svapare una base eliquid neutra sarà invece sufficiente per pulire il serbatoio;
  3. La resistenza potrà invece essere passata sotto dell’acqua calda e tramite l’ausilio di uno spazzolino da denti sarà possibile scrostare anche le cavità più difficili.

Invero, è bene fare attenzione a mantenere anche i collegamenti tra batteria e atomizzatore puliti e privi di incrostazioni. Per fare questa operazione ti consigliamo di utilizzare un panno privo di lanugine, possibilmente di tessuto liscio, e umidificarlo con dell’alcool.

Leggi anche: Liquidi sigaretta elettronica certificati: facciamo chiarezza.

Prima di ricollegare il dispositivo all’alimentazione, assicurati che tutti gli apparati siano completamente asciutti.

Una cosa che forse non sai è che puoi scegliere di pulire l’atomizzatore in modo più profondo usando la tecnica dell’ammollo o tramite un pulitore a ultrasuoni.

Nel primo caso basterà mettere l’atomizzatore a bagno nell’acqua calda fino a quando non si sarà raffreddata, poi risciacqualo sotto acqua corrente e asciugalo con cura.

Nei casi di incrostazioni più resistenti o aromi sgradevoli, puoi immergere il dispositivo nel glicole propilenico per una/due ore e poi procedere come sopra. Nello shop di Terpy puoi acquistare il PG da utilizzare sia per la pulizia che per lo svapo.

Nel secondo caso, se la sigaretta elettronica necessita di una pulizia profonda, puoi utilizzare il pulitore a ultrasuoni. Impiegato solitamente per i gioielli e i metalli preziosi, si presta anche alla cura del personal vapouriser e delle sue componenti, come gli atomizzatori.

bicarbonato di sodio

Aggiungendo un paio di gocce di detersivo per piatti nel pulitore o un poco di bicarbonato, l’atomizzatore risulterà disincrostato da qualsiasi residuo. 

Perché è importante mantenere un atomizzatore pulito? 

Come saprai, o puoi avere intuito dai paragrafi precedenti, l’atomizzatore e dunque resistenza, serbatoio e via dicendo, sono parti fondamentali della sigaretta elettronica.

Non è esagerato dire che l’atomizzatore risulta essere il cuore della tua e-cigarette e dal suo buon funzionamento dipendono le prestazioni del tuo dispositivo da svapo.

L’atomizzatore è responsabile del riscaldamento dell’e-liquid e rende possibile la trasformazione del fluido da sostanza liquida a vapore. Senza di esso, la sigaretta elettronica sarebbe un accessorio inutile. Dunque mantenerlo pulito ti permetterà di svapare senza riscontrare problemi di vario genere.

Leggi anche: Liquidi per sigaretta elettronica economici: ecco le possibili conseguenze per la tua e-cig

Una curiosità: il motivo per il quale l’atomizzatore a volte si sporca e lascia al palato uno sgradevole sapore è spesso dato dall’uso di liquidi fruttati e liquidi cremosi che, a lungo andare, rilasciano dei filamenti lievemente appiccicosi i quali possono ostruire il dispositivo e ostacolare il flusso d’aria durante il vaping.

I liquidi tabaccosi sembrano invece non dare questi problemi.

Fortunatamente, come hai potuto constatare, il processo di pulizia dell’atomizzatore non è poi così complicato e con pochi semplici passaggi potrai garantire un lungo e ottimo funzionamento della tua sigaretta elettronica.

Ricorda che dal sito di Terpy.it potrai non solo acquistare i prodotti necessari per lo svapo, ma accedere al nostro blog per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie riguardanti il mondo delle sigarette elettroniche.