Cosa ti accadrà (per certo) se fumi con un atomizzatore bruciato.

atomizzatore bruciato sigaretta elettronica

L’atomizzatore bruciato fa male? Ecco la risposta.

Sentire un sapore di bruciato durante quando durante lo svapo è un’esperienza tutt’altro che rara, tant’è che numerose persone si chiedono se l’atomizzatore bruciato fa male oppure se le conseguenze siano ininfluenti per la salute. In questo caso i liquidi svapo c’entrano relativamente; è la resistenza all’interno dell’atomizzatore a essere esausta e dunque a a necessitare la sostituzione.



Ma se nel momento in cui riscontri questa problematica non puoi cambiarla, cosa può succedere? È pericoloso? E soprattutto: come fare se la resistenza si brucia subito?

Nel corso dell’approfondimento risolveremo questi e altri dubbi, in modo che tu possa avere delle risposte esaustive alle tue domande sull’atomizzatore bruciato.

Ma, prima di tutto…

Come riconoscere una resistenza bruciata nella sigaretta elettronica?

coil nuova sa di bruciato nell atomizzatore sigaretta elettronica

In realtà è più semplice di quanto sembri. Se la resistenza di un atomizzatore è bruciata, inizi a sentirlo dal tipico sapore acre della combustione. Inoltre la resa del dispositivo risulta molto scarsa rispetto a quando la resistenza è nuova, e i liquidi svapo all’interno del serbatoio possono diventare più scuri.

Se guardi all’interno, poi, il cotone dovrebbe essere praticamente nero e la resistenza sembra quasi carbonizzata.

I segni distintivi sono davvero inequivocabili, ma la spia principale è data dal cattivo sapore e dalle scarse quantità di aerosol emesse dall’e-cigarette.

Ma cosa succede se hai svapato con un atomizzatore bruciato oppure se non puoi cambiare la resistenza ma senti la necessità di usare la sigaretta elettronica?

Leggi anche: La tua sigaretta elettronica perde liquido? Queste le 5 cause più comuni

Le conseguenze (negative) di un atomizzatore con resistenza bruciata.

Niente di buono per chi tende a utilizzare la sigaretta elettronica con una resistenza esausta, che magari presenta segni ben visibili di combustione. Prima di tutto perché l’esperienza di svapo viene notevolmente compromessa sia dal cattivo sapore che dal vapore, nettamente minore rispetto alle resistenze in salute.

In secondo luogo perché i liquidi sigaretta elettronica con nicotina e senza nicotina, quando vengono sottoposti a temperature elevate (date dal surriscaldamento del dispositivo per via della resistenza esausta), tendono a produrre formaldeide. Questa sostanza, presente anche nelle sigarette analogiche, è tossica per il nostro organismo.

Se si tratta di un evento sporadico, e se di solito appena senti sapore di bruciacchiato cambi la resistenza, allora nessun problema. Ma non forzare mai la sigaretta elettronica quando la resistenza non ce la fa più, proprio perché potrebbe essere pericolosa per la tua salute.

Ti stai chiedendo perché la resistenza della sigaretta elettronica si brucia subito, magari dopo 1 giorno, e come risolvere questo problema? Vediamo, di seguito, i principali modi per evitare questo fastidioso inconveniente.

1) Inizializza le resistenze prima di svapare, in modo da non bruciarle subito.

come riconoscere una resistenza bruciata atomizzatore

Se una coil nuova sa di bruciato (o comunque si brucia in pochissimo tempo), magari non l’hai inizializzata prima di usare la sigaretta elettronica.

Ma come inizializzare le testine?

È molto semplice: quando monti una resistenza nuova, versa poche gocce di liquido sul cotone in modo da impregnarlo manualmente.

Infatti, al fine di non bruciare la testina, devi assicurarti che il cotone sia intriso di liquidi sigaretta elettronica prima di utilizzare l’e-cigarette. L’assorbimento può essere abbastanza lento, soprattutto se utilizzi dei liquidi ad alta concentrazione di glicerina vegetale (molto densa, dunque viene assorbita in diverso tempo dal cotone).

Questa procedura può richiedere dai 5 ai 10 minuti e talvolta – quando il cotone non aiuta – può non andare a buon fine. Dall’esterno è molto difficile stabilire se il liquido sia stato assorbito o meno, dunque l’inizializzazione della resistenza è quasi indispensabile per evitare il sapore di bruciato.

2) Prova a ridurre la potenza della tua sigaretta elettronica.

Se tendi a utilizzare alti wattaggi, la tua sigaretta elettronica consuma più liquido e la resistenza si esaurisce molto più velocemente del normale. Inoltre con queste impostazioni tendi sicuramente a svapare in maniera molto veloce, e il cotone può faticare a tenere il ritmo. La conseguenza più comune in questa situazione è la bruciatura della testina.

Ti consigliamo quindi di abbassare la potenza della tua e-cigarette, in modo che il cotone abbia più tempo per assorbire il liquido e che non ci siano conseguenze di questo genere, potenzialmente dannose per la tua salute.

Leggi anche: Svapo e tosse: 5 consigli per risolvere definitivamente

3) Tieni sempre con te una piccola boccetta di liquido, così da poter riempire il serbatoio dell’e-cigarette in qualsiasi momento.

Quando il liquido nel serbatoio della sigaretta elettronica è a un livello molto basso, il cotone della resistenza potrebbe faticare ad assorbirlo. La conseguenza sarebbe la bruciatura precoce della testina e tutto ciò che ne concerne.

Per questo ti consigliamo di portare sempre con te delle boccette di liquidi svapo. In questo modo puoi riempire il serbatoio dell’e-cigarette anche quando ti trovi fuori casa.

In conclusione

Svapare con un atomizzatore bruciato (op meglio, con la resistenza bruciata) potrebbe far male. Ti consigliamo quindi di cambiare la resistenza appena senti il classico sapore acre della combustione e di evitare di arrivare a quel punto con i 3 accorgimenti che ti abbiamo elencato.

Inoltre ricorda sempre di utilizzare degli ottimi liquidi e aromi per sigaretta elettronica, che lascino poche incrostazioni sulla resistenza e la facciano durare di più: acquistali subito su Terpy!