Spedire sigarette elettroniche per posta: ciò che devi sapere

Per spedire sigarette elettroniche per posta bisogna stare attenti ad alcuni aspetti

Ecco come spedire sigarette elettroniche per posta

Negli anni, la società si è evoluta e l’avvento di internet ha fatto sì che anche il modo di vendere e acquistare si evolvesse con lei e cambiasse.

Tutti, al giorno d’oggi, hanno la possibilità, attraverso un cellulare o un computer, di potersi collegare alla rete per dare e ricevere servizi con estrema facilità. Far uso di queste funzioni comporta notevoli vantaggi. Chi acquista, soprattutto se ha poco tempo da dedicare allo shopping, gode della comodità di ricevere il pacco direttamente a casa mentre chi vende ha la possibilità di raggiungere una quantità di persone molto più ampia. In più, i tempi si accorciano notevolmente e lo stress legato agli acquisti si dimezza.

In generale, non è più necessario recarsi in un negozio fisico per comprare un capo di abbigliamento, un libro, un elettrodomestico o una sigaretta elettronica. Semplicemente si spulcia tra i vari e-commerce presenti, si sceglie cosa acquistare, si paga e si riceve la merce direttamente a casa. In egual modo, se si desidera vendere un qualsiasi prodotto o servizio, non è più essenziale possedere una sede fisica.

Il tutto può avvenire tranquillamente tramite il web con l’unico obiettivo di favorire una crescita dei guadagni abbassando, di gran lunga, le spese di gestione.

Ci sono, però, soprattutto quando si parla di vendita, delle regole da rispettare, degli step da effettuare se si vuole che tutto vada nel miglior modo possibile. Proprio per questo motivo è importante che chiunque abbia un’attività, anche di sigarette elettroniche, e avesse voglia di espanderla servendosi di un potente strumento quale il web, sappia alcune cose che non vanno assolutamente sottovalutate se non si vogliono rischiare intoppi.

Per spedire sigarette elettroniche per posta bisogna seguire alcune regole

Perché spedire una sigaretta elettronica

Generalmente, spedisce sigarette elettroniche chi sente la necessità di restare al passo coi tempi e di espandere la propria attività commerciale raggiungendo tutte quelle persone che, per un motivo o per un altro, non hanno la possibilità di recarsi nel negozio fisico.

Questa, però, non è l’unica motivazione.

Spesso, infatti, un’azienda appena nata ha difficoltà a sostenere le innumerevoli spese necessarie per la gestione di un negozio fisico e perciò si serve di uno ”virtuale” per incrementare gli affari a costi relativamente bassi e convenienti. Un ottimo modo per farsi conoscere e per creare una rete di clienti solida e affezionata.

Può anche capitare che, semplicemente, si desideri regalare una sigaretta elettronica con i liquidi per lo svapo a un parente o a un amico che vive lontano. Qualunque sia il motivo, comunque, la spedizione rappresenta la soluzione migliore per far sì che qualcun altro riceva una sigaretta elettronica restando comodamente seduto sul proprio divano di casa.

Leggi anche: Sigaretta elettronica cinese? Perché potrebbe non essere una buona idea

Spedizione di una sigaretta elettronica: cosa fare

Quando ci si accinge a spedire un pacco, in questo caso contenente una sigaretta elettronica che è un oggetto fragile e delicato, è importante fare estrema attenzione affinché tutto il processo si svolga e si compia nel migliore dei modi.

  1. Preparare il contenuto. Che si tratti di un negoziante o di un privato che spedisce un regalo, la prima cosa da fare è preparare il contenuto del pacco, la sigaretta elettronica. È fondamentale che essa sia dotata della sua scatola originale e della garanzia. Sebbene non sia un acquisto ‘tradizionale’, e non avvenga faccia a faccia, è importante mantenere una certa professionalità e correttezza e svolgere tutto senza alcuna irregolarità permettendo al destinatario di avere tutto ciò che gli serve. Nel caso della vendita, ciò comporterà una maggiore fidelizzazione da parte dei clienti che rimarranno soddisfatti dell’acquisto e si fideranno del venditore acquistando nuovamente. Nel caso di un regalo, allo stesso modo, chi lo riceverà sarà felice e appagato.
  2. Preparare il pacco. Il passo successivo è la preparazione del pacco. Questo passaggio va effettuato con cura per fare in modo che nessuna parte del suo contenuto possa danneggiarsi durante il viaggio. Un modo per proteggere la merce è utilizzare degli appositi materiali di riempimento. Questi permettono di non lasciare spazi vuoti all’interno del pacco e di tenere bloccato il suo contenuto. Facili da reperire a un costo abbastanza contenuto, sono estremamente utili, talvolta essenziali, per far sì che tutto vada per il verso giusto. Il materiale di cui sono composti è la plastica, ma chi è maggiormente attento all’ambiente e desidera ridurre il livello di inquinamento, può sostituirlo con altri materiali altrettanto validi come i trucioli in paglia, il cartone ondulato o piccole sfere di polistirolo. Sistemato nel miglior modo possibile il contenuto all’interno del pacco, questo deve essere chiuso. Sigillarlo bene con del nastro adesivo è fondamentale in quanto una scatola perfettamente chiusa difficilmente si aprirà durante il tragitto rischiando di danneggiare ciò che vi è dentro.
  3. Scegliere il corriere. Una volta preparato il pacco, è il momento di scegliere il corriere. Ne esistono diversi, ognuno offre uno specifico servizio a un determinato costo. La scelta di un corriere affidabile e professionale è fondamentale per essere tranquilli sulla buona riuscita della spedizione.
  4. Preparare l’etichetta da attaccare sul pacco e pagare il servizio. Dopo aver deciso a quale corriere affidare il pacco sarà possibile inserire tutti i dati relativi alla spedizione, al mittente e al destinatario collegandosi su un sito apposito. Questa fase è estremamente delicata: un piccolo errore nell’inserimento dei dati potrebbe comportare la non riuscita della spedizione stessa. Una volta pagato il servizio (tramite PayPal o carta di credito), si potrà stampare la ricevuta che andrà attaccata sul pacco. Grazie alle informazioni su di essa riportati, il corriere saprà esattamente dove consegnarlo.
  5. Prenotare il ritiro. Completati tutti i passaggi sopra riportati, bisogna prenotare il ritiro del pacco. È possibile scegliere il giorno e l’orario che si vuole in base alle proprie necessità. A questo punto, non si dovrà fare altro che aspettare che passi il corriere a ritirare il pacco. Nel caso in cui questa modalità risulti scomoda, vi è la possibilità di lasciare il pacco presso uno dei tanti negozi convenzionati esistenti. Ciò comporterà un ulteriore accorciamento dei tempi sia per il mittente che per il destinatario che, in questo modo, potrà ricevere la sigaretta elettronica in tempi più brevi. La consegna avviene, generalmente, nel giro di qualche giorno, salvo imprevisti. Nel frattempo sarà comunque possibile monitorare, in qualsiasi momento, la posizione del pacco fino a quando non sarà tra le mani della persona alla quale è stato spedito.

Leggi anche: Normativa sui liquidi per sigaretta elettronica

Spedizione internazionale: possibili restrizioni

Le spedizioni internazionali, in alcuni casi, si differenziano da quelle nazionali.

Non tutti gli articoli che è possibile far spostare da una zona all’altra dello stesso Paese, infatti, possono essere spediti da un Paese a un altro con la stessa facilità. Alcune compagnie di spedizione hanno stabilito delle regole ben precise in merito, ma che comunque differiscono a seconda che si tratti di un’azienda o di un privato.

Nel caso specifico delle sigarette elettroniche, queste, come altri oggetti (alcolici, liquidi, sostanze tossiche o armi), rientrano nella categoria degli articoli soggetti a restrizione. I limiti legati alla loro spedizione valgono però per i privati e non per le aziende produttrici e per i rivenditori autorizzati.

Nel caso specifico in cui i primi trasgrediscano queste norme, correrebbero seri rischi legali perché vi è la possibilità di incorrere non solo nella confisca della merce, ma anche nella denuncia penale.