Sigaretta elettronica che non tira più: come rimediare

Sigaretta elettronica che non tira più

Cosa fare se ti accorgi che la tua e-cig non produce abbastanza vapore

Fino ad oggi la tua sigaretta elettronica ha funzionato perfettamente, ma improvvisamente noti qualcosa che non va: premi il pulsante di accensione e aspiri, ma non riesci più a sentire il vapore. Sembra che la tua e-cig ne produca molto meno rispetto a quanto ricordavi.

Insomma, ti sei accorto che la tua sigaretta elettronica non tira più. E la cosa peggiore è che non hai idea di quale possa essere il problema.

Stai vivendo una situazione simile?

Non temere, ti trovi nel posto giusto: in questo articolo ti illustrerò quali possono essere le cause della riduzione del vapore prodotto dalla tua e-cig e come intervenire per rimediare a questo imprevisto.

Sigaretta elettronica con batteria scarica

La sigaretta elettronica non produce vapore? Prova con queste soluzioni

Ok, cerchiamo di chiarire cosa intendi con ‘la sigaretta elettronica non tira più’.

Significa che, quando la avvicini alla bocca a provi ad aspirare, non esce vapore? Se è così, per prima cosa verifica che il tuo dispositivo sia correttamente acceso.

Lo so, sembra un consiglio banale, ma può capitare di non accorgersi di avere tra le mani una sigaretta elettronica spenta, specialmente se è un modello senza display, luci o altri elementi che segnalano se è stato attivato correttamente. Per verificare questo particolare, premi il tasto di accensione e avvicina la sigaretta all’orecchio: se è attiva dovresti sentire un leggero rumore simile a uno sfrigolio. In caso contrario, significa che è spenta.

Hai verificato che la tua e-cig è correttamente accesa, ma continua a non produrre vapore?

Verifica la batteria: forse, il livello di carica è troppo basso, oppure questo elemento si è usurato e deve essere cambiato. Prova a ricaricarla e, se il problema persiste, sostituiscila con una nuova.

Un altra possibile causa è un malfunzionamento dell’atomizzatore.

A volte è sufficiente che questo elemento sia avvitato male alla batteria per non permettere il passaggio della corrente elettrica da quest’ultima alla resistenza. Controlla di aver montato bene l’atomizzatore. Se è avvitato correttamente, forse non funziona più e va sostituito. In questo caso, svitalo e montane uno nuovo.

Leggi anche: La sigaretta elettronica infiamma l’intestino?

Se la tua e-cig sembra funzionare, ma produce troppo poco vapore, forse il problema è la resistenza

Se con ‘ la sigaretta elettronica non tira più’ intendi che produce vapore, ma meno rispetto al passato, allora molto probabilmente la causa è la resistenza.

Quando una coil viene utilizzata a lungo, specialmente con e-liquid molto corposi che contengono tante impurità, le sue parti costituenti si degradano. Il filo di metallo nel quale passa l’energia elettrica prodotta dalle batterie si incrosta e non si scalda adeguatamente. Il cotone, dal canto suo, perde la capacità di vaporizzare il liquido assorbito dal tank.

Verifica che la tua resistenza sia ancora valida: smontala dall’atomizzatore e controlla il suo interno. Se il cotone ha un colore scuro, devi cambiarla. Mettine una nuova, adeguata al liquido per sigaretta elettronica che stai utilizzando, e molto probabilmente la tua e-cig riprenderà a funzionare come una volta.

Sigaretta elettronica smontata pronta per la manutenzione

Sei certo di aver impostato una potenza corretta per la resistenza che stai utilizzando?

Se la tua sigaretta elettronica continua a produrre poco vapore nonostante hai cambiato la resistenza, forse il problema è la potenza erogata dal tuo dispositivo.

Mi spiego meglio.

Ogni resistenza ha una resa ottimale se viene utilizzata entro un certo intervallo di watt. Se sono troppi, rischi di bruciarla e di rovinarla irrimediabilmente fin dai primi tiri. Viceversa, se sono pochi la resistenza non è in grado di vaporizzare adeguatamente l’e-liquid.

Ma come si può conoscere l’intervallo ideale per la propria coil?

È molto semplice. Per fortuna, le aziende che producono le resistenze per sigarette elettroniche incidono sulla superficie di queste ultime il numero minimo e massimo di watt da impostare per sfruttarle al meglio.

Ti faccio un esempio: se sulla superficie della tua resistenza leggi ’25-35′ significa che quel modello va utilizzato impostando la tua sigaretta elettronica in modo che eroghi non meno di 25 e non più di 35 watt.

Segui queste indicazioni e la tua coil sarà in grado di vaporizzare correttamente gli e-liquid.

Leggi anche: La sigaretta elettronica fa male ai denti? Facciamo chiarezza

In conclusione

In questo articolo ti ho spiegato come intervenire se ti accorgi che la tua sigaretta elettronica non tira più.

Se non produce vapore, evidentemente alcune componenti del dispositivo non stanno funzionando adeguatamente: in questo caso, devi cercare di individuare il colpevole (o i colpevoli) per trovare un rimedio valido. Al contrario, se la tua e-cig produce vapore, ma non abbastanza, è molto probabile che il responsabile sia la resistenza: o si è rovinata a causa del lungo utilizzo, oppure non riceve una quantità adeguata di energia dalla batteria.

Spero che i consigli elencati in questo articolo ti siano stati utili.

Prima di salutarti, ti invito a dare un’occhiata ai prodotti disponibili sullo store di Terpy: liquidi per sigaretta elettronica, basi con nicotina, aromi concentrati e tanti altri articoli dedicati ai vaper come te!