Resistenze mesh: cosa sono queste coil che stanno conquistando sempre più vaper?

Resistenze-mesh

Coil e resistenze mesh: facciamo un po’ di chiarezza

Che stia svapando da un po’ di tempo a questa parte, o che abbia appena iniziato a conoscere il mondo della sigaretta elettronica, probabilmente conoscerai le mesh coil, di cui recentemente si è fatto un gran parlare.

Ma se così non fosse, non preoccuparti.

Proprio per questo, nel seguente articolo vedremo di capire a cosa è dovuto l’hype intorno alle resistenze mesh, cosa s’intende con il termine coil e qual è la scelta migliore secondo la maggior parte degli svapatori in termini di resistenza.

resistenze mesh cosa sono

Partiamo dal principio: cosa sono le coil

Il termine inglese ‘coil’ viene utilizzato in italiano con due accezioni diverse.

Viene usato comunemente come sinonimo di resistenza, un componente fondamentale della sigaretta elettronica costituito da un filo resistivo che si avvolge a spirale attorno a un materiale assorbente.

In altri casi, invece, si utilizza per riferirsi esclusivamente alla bobina della resistenza, rappresentata dal filo di cui ti ho parlato poco fa: se vogliamo essere precisi ‘coil’ significa letteralmente ‘bobina’.

Ma come funziona nello specifico?

Per permettere l’esperienza di vaping, la coil si surriscalda grazie all’alimentazione della batteria, così da trasformare in vapore il liquido della sigaretta elettronica contenuto nel tank, che viene spinto verso il materiale assorbente (che può essere cotone o, nel nostro caso specifico, la mesh).

Inoltre, quando si sceglie il modello di e-cig, è molto importante prendere in considerazione alcuni fattori che rendono determinate coil più adatte rispetto ad altre. Vediamo sinteticamente i parametri principali:

  • la dimensione, che dipende dal modello, dal wattaggio e dal vaping;
  • i materiali usati;
  • la quantità di ohm contenuta.

A proposito di questo ultimo punto, se una e-cig ha ohm alti – da 0,60 a 2 –, significa che consumerà una quantità inferiore di liquido creando meno vapore, ma assicura un uso più prolungato della batteria. In caso contrario, un modello con ohm bassi consumerà più batteria e più prodotto.

Leggi anche: Il dry burn fa male? Ecco come ripulire la resistenza con il calore senza correre rischi per la salute

Quali sono i tipi di coil in commercio?

Di solito la resistenza tende ad avere le spire staccate l’una dall’altra, e ne esistono diverse tipologie.

👉🏻 Single coil

A seconda di come viene inserita la resistenza, possono essere orizzontali o verticali, anche se generalmente quest’ultima viene preferita dagli svapatori.

Inoltre, una single coil permette una resa aromatica più prestante perché l’aria arriva dal centro del dispositivo.

👉🏻 Double coil o dual coil

Com’è facilmente intuibile dal nome, qui abbiamo due resistenze singole, e la maggior parte dei consumatori preferisce le orizzontali.

Le double coil permettono di raddoppiare il wattaggio e dimezzare il valore della resistenza.

👉🏻 Quad coil

Per concludere, questo è un tipo di resistenza quadruplo, che ben si adatta a determinate box mod munite di accessori.

Bene, arrivati a questo punto dell’articolo vediamo di capire che cosa sono le resistenze mesh.

ragazza che svapa

Resistenze mesh: cosa sono e qual è la scelta migliore

Una resistenza mesh è un tipo di coil composta da un filo resistivo che ha le sembianze di una maglia forata in acciaio, ed è
solitamente realizzata in kanthal, acciaio inossidabile o nichel.

Contrariamente a quanto potresti aver letto in giro, la mesh non è utilizzata solo per gli atomizzatori rigenerabili (o fai da te): anzi, si adatta abbastanza bene a varie tipologie.

Ma perché sempre più vaper ne sono attratti?

Diciamo che, secondo alcuni, la superficie di una mesh è più ampia rispetto a quella di un filo singolo, permettendo così di produrre più vapore e massimizzare il sapore, mentre altri ancora ritengono che abbia un’ottima resa anche ai fini dell’aroma.

Questo perché le mesh coil sono una via di mezzo tra le bobine singole e quelle quadruple, ma vediamo di capire meglio perché.

Per cominciare, si ottiene un tempo di avvio rapido con un’ottima produzione di aroma e vapore. Inoltre, è ritenuto anche un modo leggermente ‘più fresco’ di svapare che richiede meno energia rispetto a una dual coil della stessa resistenza.

In altre parole? È considerata una buona scelta anche per chi vuole risparmiare la batteria.

Quindi, se adesso ti stai chiedendo qual è la scelta migliore, la risposta non è univoca, considerato che dipende esclusivamente dai gusti del vaper:

  • per chi predilige un colpo di gola moderato, una produzione di vapore decente e una svapata calda, è consigliabile optare per una coil standard single core;
  • coloro che amano un’inalazione più calda con un sapore ricco e non sono preoccupati all’idea di cambiare bobine e batterie più frequentemente, possono scegliere una coil doppia, tripla o quadrupla;
  • infine, per un’ascesa rapida, un’inalazione più fredda ma comunque ricca di sapore e nuvole voluminose, la mesh coil è la soluzione più indicata.

Leggi anche: Liquido per sigaretta elettronica in bocca: perché succede e cosa possiamo fare per evitare che riaccada

Conclusioni

In questo articolo ti ho spiegato il significato il ‘coil’ e che cosa sono le resistenze mesh.

Se stai cercando prodotti di qualità per un’esperienza di vaping migliore, visita il sito di Terpy, lo shop online dove potrai trovare liquidi per svapo di diverso tipo, aromi per sigaretta elettronica e tanto altro.