Liquidi sigaretta elettronica dalla Slovenia? I rischi del contrabbando

È in aumento l'arrivo di liquidi per sigaretta elettronica dalla Slovenia, probabilmente di contrabbando

Se stai pensando di acquistare e-liquid a basso costo dalla Slovenia, fermati! Potrebbero essere di contrabbando e causare danni alla salute

Abbandonare le bionde per la sigaretta elettronica significa guadagnare in salute, ma a volte ci si scorda che è un vantaggio anche per il portafoglio. La spesa mensile media di un vaper, infatti, è decisamente inferiore rispetto a quella di un fumatore.

Risparmiare è bello, vero? Tuttavia, è opportuno non eccedere nella ricerca dei prodotti più economici e fare attenzione a non correre rischi inutili solo per risparmiare quattro soldi.

Potresti aver sentito parlare dei liquidi per sigaretta elettronica provenienti dalla Slovenia, noti per i loro prezzi estremamente convenienti, e forse hai trovato allettante questa notizia.

Non cascarci: questo è un classico caso di ‘troppo bello per essere vero’, e in questo articolo ti spiegherò perché. Al termine ti darò un consiglio preziosissimo su dove acquistare liquidi per sigaretta elettronica di ottima qualità a un prezzo superconveniente.

Leggi anche: Nuova legge per i liquidi da sigaretta elettronica: tutte le novità

Perché i liquidi sloveni sono così allettanti (e pericolosi)

L’interesse da parte dei vaper nei confronti dei liquidi per sigaretta elettronica provenienti dalla Slovenia ha preso piede ormai da quasi un decennio. Il motivo principale del fenomeno è il basso costo degli e-liquid venduti in questo Stato rispetto a quelli disponibili in Italia.

Purtroppo, però, molti vaper ignorano il fatto che dal 2016 la Slovenia ha introdotto una tassa sui liquidi per lo svapo pari a ben 1,80 euro per 10 ml, addirittura più alta rispetto a quella imposta nel nostro Paese che, attualmente, è pari a 1,50 euro per 10 ml.

Ma allora per quale motivo tanti e-liquid provenienti da quello Stato continuano ad avere un prezzo così basso? Purtroppo, la causa sembrerebbe essere il contrabbando. Infatti, secondo uno studio effettuato da Intellegit, una start-up nata dall’Università di Trento, al tradizionale traffico illecito di sigarette tradizionali provenienti dall’estero si è aggiunto quello dei liquidi di sigaretta elettronica. In particolare, sembrerebbe che Udine e Trieste siano i maggiori centri di questa attività, alimentata con prodotti che provengono soprattutto dalla Slovenia.

Il risultato di queste azioni illecite è un pesante danno per le casse dello Stato italiano, che raggiunge quasi il miliardo di euro. Tuttavia, questo non è il pericolo maggiore: dall’altro lato dell’oceano, infatti, i liquidi di contrabbando sono stati la causa di decine di decessi tra i giovani.

Chi utilizza liquidi per sigaretta elettronica di contrabbando rischia seri danni alla salute

Così i liquidi di contrabbando hanno mietuto decine di giovani vite

Forse ricorderai che nel 2019 gli Stati Uniti sono stati colpiti da un’ondata di morti tra i giovani vaper. All’epoca questa vicenda ha suscitato molto clamore, e ha scatenato dibattiti sulla nocività delle sigarette elettroniche sia negli States che in Europa: iniziò a serpeggiare la paura nei confronti dello svapo, sospettato di essere un’alternativa ancora peggiore delle bionde.

Le indagini delle autorità sono riuscite, poi, a individuare il vero colpevole: la vitamina E acetato, una sostanza oleosa che viene spesso usata come additivo nei prodotti cosmetici. Sulla pelle, questo composto chimico è assolutamente innocuo; se inalato, invece, è causa di gravi malattie polmonari che, come ha dimostrato la vicenda accaduta negli Stati Uniti, possono portare al decesso.

Ma allora perché la vitamina E acetato era presente nei liquidi che svapavano coloro che sono morti? Purtroppo, è stata usata come base per la produzione di liquidi per sigaretta elettronica di contrabbando, acquistati dalle vittime presso rivenditori non autorizzati, la maggior parte dei quali conteneva anche THC.

Insomma, questa tragedia che ha colpito gli USA ci ha insegnato ancora una volta quanto possono essere pericolosi gli articoli venduti al di fuori dei canali ufficiali e prodotti senza seguire alcuna norma rivolta al controllo della qualità.

Leggi anche: Liquido sigaretta elettronica in farmacia: conviene davvero?

Non alimentare le attività criminali e fai la cosa giusta per la tua salute: scegli solo liquidi di qualità

Nei paragrafi precedenti ti ho spiegato quale può essere il motivo del basso costo dei liquidi per sigaretta elettronica provenienti dalla Slovenia. Bada bene: non intendo affermare che questi prodotti siano sempre di contrabbando, ma evidenziare che, quando il loro prezzo è troppo conveniente, c’è il rischio che siano illegali. In questo caso, acquistarli significa dare una mano ai criminali che li producono e li smerciano, e correre gravi rischi per la salute.

Se sei un vaper, non mettere a repentaglio la tua vita per risparmiare pochi centesimi: acquista i tuoi liquidi per sigaretta elettronica solo dai migliori rivenditori del settore e potrai essere certo di comprare solo prodotti di prima qualità.

Su Terpy, il vape shop numero 1 in Europa, offriamo solo e-liquid di prima scelta, preparati e confezionati con la massima attenzione al rispetto della normativa e dei nostri clienti.

E c’è di più! se sei una persona particolarmente attenta al risparmio, e hai cercato questo post per capire come spendere meno per i tuoi liquidi da svapo, ho una buona notizia per te: i nostri articoli sono il top del mercato per rapporto qualità/prezzo!

Non perdere l’occasione di gustare i migliori liquidi di sigaretta elettronica a un prezzo superconveniente. Acquistali subito su Terpy!