Fumare la sigaretta elettronica durante la gravidanza: ecco cosa dicono i medici.

Fumare la sigaretta elettronica durante la gravidanza: ecco cosa dicono i medici.

In gravidanza e durante l’allattamento meglio evitare di fumare la sigaretta elettronica.

Il mondo della medicina concorda nel ritenere dannoso l’utilizzo della sigaretta elettronica durante il periodo di gestazione. Se si è tabagiste, passare dalle sigarette tradizionali ai dispositivi da svapo durante la gravidanza non è dunque una soluzione da prendere in considerazione. 

Non importa se i liquidi svapo possiedono una bassa concentrazione di nicotina e nemmeno se non avviene la combustione durante l’aspirazione del fumo. 

Il motivo principale per cui la scienza medica sembra ritenere che il liquido della sigaretta elettronica fa male in gravidanza è legato in primo luogo all’assunzione di nicotina e in secondo luogo agli aromi svapo impiegati per produrre gli e-liquid.

Alcuni aromi sono infatti ottenuti per sintesi chimica, e non sono numerosi o approfonditi gli studi che ne attestano la loro totale sicurezza di assunzione in particolari circostanze fisiologiche.

Per quanto riguarda invece la nicotina presente nella base eliquid, gli effetti collaterali sono molto simili a quelli provocati da una classica sigaretta. 

Facendo mente locale, gli stessi prodotti usati per smettere di fumare che contengono una minima concentrazione di nicotina, come cerotti o gomme da masticare e compresse, sono assolutamente vietati durante la gravidanza.

donna incinta

Noi di Terpy riteniamo importante l’informazione, che è a tutti gli effetti un mezzo di conoscenza e sviluppo del pensiero critico. Per tale motivo il nostro Blog tratta le tematiche più disparate, con la volontà di avere utenti e clienti consapevoli.

Di seguito andremo a vedere cosa dicono le organizzazioni sanitarie riguardo al consumo di personal vapouriser per le donne incinte.

Cosa dicono le organizzazioni sanitarie

Partiamo col dire che il Consiglio Superiore della Sanità, durante un aggiornamento scientifico in merito alla pericolosità delle sigarette elettroniche contenenti nicotina, ha stabilito che non è possibile escluderne il rischio di effetti dannosi per la salute umana.

Inoltre sembra non ci siano attualmente ricerche in grado di confermare l’assoluta atossicità dei composti volatili presenti nel cosiddetto “liquido base sigaretta elettronica”. 

Di seguito, riportiamo alcune raccomandazioni emanate nel 2013 dal Consiglio Superiore della Sanità, riguardo l’utilizzo dei dispositivi da svapo:

  • Non utilizzare la sigaretta elettronica durante il periodo di gravidanza e allattamento;
  • Non utilizzare il dispositivo negli Istituti scolastici;
  • Nono vendere tabacco ai minori di 18 anni, comprese quindi le sigarette elettroniche con basi nicotina;

Leggi anche: Sigaretta elettronica: ecco dove si può fumare nel 2020.

Detto ciò, è bene che tu sappia quali sono gli effetti dannosi della nicotina sul corpo umano, soprattutto se sei in dolce attesa. Questa sostanza può infatti portare a una diminuzione del flusso placentare causando un deficit nella somministrazione di sostanze nutrizionali al feto e, nei casi più gravi, far incorrere la futura madre in:

  • Gravidanza ectopica;
  • Rottura prematura delle membrane;
  • Placenta previa;
  • Distacco di placenta;
  • Decesso intrauterino;
  • Aborto spontaneo;
  • Sottopeso del bambino alla nascita;
  • Sindrome della morte nella culla;
  • Problemi respiratori del bambino;
  • Rischio di malattia cardiovascolare in età adulta;
  • Sviluppo intellettivo del feto danneggiato.

È dunque lampante il motivo per il quale le organizzazioni sanitarie sconsigliano caldamente l’uso della sigaretta elettronica con nicotina in gravidanza e in allattamento.

dottoressa

Sigarette elettroniche senza nicotina: in gravidanza meglio astenersi

Per quel che riguarda l’utilizzo delle sigarette elettroniche senza nicotina durante la gestazione, il parere generale è sempre proteso verso una non assunzione dei liquidi da svapo. 

Nonostante la pratica del vaping eviti la combustione (propria della sigaretta tradizionale e dannosa per via della produzione del monossido di carbonio), la vendita diffusa dei liquidi da svapo non permette di tracciare con sicurezza né la provenienza dei fluidi né il loro contenuto, aromi per sigaretta elettronica compresi.

Sono poche le aziende affidabili, come Terpy.it, che garantiscono i migliori liquidi per sigaretta elettronica certificati.

Le sigarette elettroniche contengono infatti composti aromatici di non sempre specificata origine. In una situazione delicata come quella che può essere una gravidanza o l’allattamento, il corpo di una donna risulta maggiormente reattivo e sensibile alle reazioni allergiche. Per non incorrere in alcun rischio meglio evitare le inalazioni di determinate sostanze tramite lo svapo.

Leggi anche: Liquido per sigaretta elettronica gusto erba: come scegliere (responsabilmente) quale acquistare.

Inoltre, l’atomizzatore della sigaretta elettronica riscalda un liquido al cui interno sono presenti dosi variabili di glicole propilenico (PG), glicerolo vegetale o glicerina vegetale (VG) e aroma sintetico o naturale.

Anche se il glicole propilenico è considerato generalmente sicuro, alcuni studi hanno trovato dei collegamenti tra l’inalazione prolungata della sostanza e il manifestarsi di irritazioni agli occhi e alle vie aeree superiori.

A voler essere minuziosi, in alcuni casi il riscaldamento del glicole propilenico e della glicerina può produrre formaldeide e acetaldeide, che, a dosi più elevate di quelle assunte con la singola sigaretta elettronica, sono considerati cancerogeni. 

Perciò vista l’incertezza sui componenti dei vapori inalati, la difficile tracciabilità di alcuni prodotti e la mancanza di studi attendibili sulla completa atossicità dei prodotti da svapo, meglio astenersi dalle sigarette elettroniche se si aspetta un bambino.