Disintossicazione da nicotina: quali sono i rimedi più efficaci per superare la dipendenza.

I rimedi per l'astinenza da nicotina durante la disintossicazione

Qualche informazione utile sulla sindrome da astinenza da nicotina.

Se stai leggendo questo articolo, è probabile che tu stia valutando di smettere di fumare o magari di aiutare qualcuno a te caro a farlo.

La sindrome da astinenza da nicotina è una vera e propria malattia, riconosciuta a tutti gli effetti. Per questo motivo, è bene non sottovalutare l’enorme sforzo che richiede fare questo passo e aiutare sé stessi e gli altri a perseverare nel raggiungimento dell’obiettivo.

Astinenza da nicotina: cos’è? E quali sono i sintomi?

I sintomi dell'astinenza da nicotina

L’astinenza da nicotina è una condizione molto comune sperimentata quasi subito dopo aver fumato l’ultima sigaretta. Si presenta con diversi stati d’animo, dovuti proprio alla mancanza dell’assunzione della nicotina, una componente del tabacco capace di creare un alto tasso di dipendenza, alla pari di altre sostanze quali alcool e cocaina, per citarne alcune.

L’astinenza da nicotina è considerata a tutti gli effetti come una malattia vera e propria. Infatti è citata sia nella lista delle malattie dell’OMS, che nel Manuale diagnostico e Statistico delle Malattie Mentali.

Ma da cosa dipende?

L’assunzione di tale sostanza, specialmente quando è costante e duratura nel tempo, provoca una sorta di abitudine nel corpo umano, soprattutto a livello cerebrale.

Stando a diverse ricerche, infatti, questa sindrome dipende proprio dalla reazione del cervello di un ex-fumatore che accusa la mancanza di una sostanza ormai considerata indispensabile.

Essendo frutto di un’abitudine, con un po’ di forza di volontà e determinazione, è possibile invertire la tendenza dell’organismo e ripristinare gradualmente lo stato precedente alla dipendenza da tabacco.

Ma come capire se stai sperimentando i sintomi della sindrome da astinenza da nicotina?

Il primo segnale è indubbiamente la voglia irrefrenabile di fumare. Se ti trovi in questa situazione, prova a resistere. Non durerà per molto.

In secondo luogo, il tuo organismo potrà manifestare tutta una serie di sintomi, tra i quali vediamo:

  • nausea e crampi intestinali;
  • mal di testa;
  • ansia;
  • depressione;
  • spiccata irritabilità;
  • stitichezza;
  • sonnolenza durante la giornata e sonno disturbato durante la notte;
  • aumento dell’appetito;
  • difficoltà di concentrazione;
  • sentimenti di frustrazione;
  • formicolio a mani e piedi.

Insomma, una lista lunga e abbastanza difficoltosa da gestire. La buona notizia, di cui parleremo in seguito, è che però se hai la forza di resistere, si attenueranno fino a sparire del tutto in poco tempo.

Esistono poi degli espedienti che ti possono aiutare a superarla.

Leggi anche: Allergia alla nicotina: sintomi, reazioni e rimedi a questo disturbo.

Quali sono i rimedi più efficaci contro i sintomi dell’astinenza da nicotina?

Il primo consiglio che voglio darti è di non sottovalutare la potenza dei programmi che insegnano come smettere di fumare. Lo so, possono sembrare inefficaci, ma in realtà contengono tanti stratagemmi e tecniche che possono rivelarsi davvero molto utili.

Nel caso in cui questo tipo di aiuto non dovesse essere abbastanza o i sintomi troppo invalidanti per lo svolgimento delle tue attività quotidiane, esistono degli ulteriori aiuti ai quali potrai ricorrere, come i sostituti della nicotina.

Sotto forma di inalatori, gomme da masticare o cerotti, questi prodotti sono pensati esclusivamente per supportare chi decidesse di smettere di fumare, aiutando a diminuire in modo graduale l’apporto di nicotina, riducendo di conseguenza i sintomi dell’astinenza.

Gomme da masticare in aiuto per astinenza dalla nicotina

Per le donne incinte, risulta fondamentale un consulto preventivo con il medico, che saprà valutare i rischi e eventualmente suggerire delle alternative.

Inoltre, puoi mettere in pratica delle semplici strategie, per soffrire meno durante questa fase così delicata:

  • evita la compagnia dei fumatori, specialmente mentre fumano;
  • evita più che puoi il consumo di sostanze come alcool e caffeina – ti ricordo che è contenuta anche nel tè – data la loro capacità di provocare nell’organismo la richiesta di nicotina;
  • fai attività fisica o incrementala, se la pratichi già. Lo sport ha il potere di ridurre lo stress, che spesso è una delle ragioni per cui ti viene voglia di fumare;
  • coltiva nuovi hobby e passatempi. Serviranno a distrarti nei momenti liberi, di cui solitamente approfittavi per accendere una sigaretta;
  • tieni sempre a portata di mano delle gomme da masticare. Anche se queste non dovessero essere specifiche per smettere di fumare, allevieranno considerevolmente l’impulso;
  • confrontati con chi ci è già passato. Ti darà la possibilità di non pensare che sia un’impresa impossibile e inoltre potrebbe suggerirti nuove tattiche da mettere in atto per raggiungere il tuo obiettivo;
  • abbi pazienza. Questo è molto importante, perché in alcuni momenti ti potrà sembrare estremamente difficile resistere. Tieni a mente però, che è solo una fase e se mantieni la determinazione, finirà prima di quanto credi.

Presto potrai sperimentare personalmente i benefici di aver abbandonato il vizio del fumo e ne sarai felice.

Vediamo come reagisce l’organismo alla mancanza di nicotina e in quanto tempo si stabilizza.

Cosa succede al tuo corpo quando smetti di fumare?

I primi sintomi dell’astinenza da nicotina compaiono molto presto. Bastano 2 o 3 ore dall’ultima boccata di fumo per sentire l’impulso di fumare nuovamente.

Trascorsi 3 giorni, il tuo corpo si sarà completamente ripulito dalla nicotina in circolo nel sangue e infatti, a questo punto, inizia la fase acuta dell’astinenza. Dopo 3 giorni, potresti iniziare a percepire il desiderio di fumare più intensamente e sperimentare al contempo stati di irritabilità e difficoltà a mantenere la concentrazione.

Questa fase comincerà ad attenuarsi attorno alle 2-3 settimane successive all’ultima assunzione, permettendoti finalmente di cominciare a sentirti meno tentato a ricominciare.

Vediamo ora, in modo più dettagliato, cosa succede all’organismo di un soggetto che ha smesso di fumare da un giorno all’altro e senza il supporto dei sostitutivi della nicotina.

  • Dopo qualche ora:
    l’effetto dell’ultima dose di nicotina assunta svanisce e inizia a manifestarsi la voglia di fumare.
  • Dopo una decina di ore:
    il soggetto è pervaso da una sensazione di irrequietezza e manifesta la necessità irrefrenabile di fumare. Inoltre ha la percezione di non sapere come impiegare il tempo.
  • Dopo 1 giorno:
    l’irritabilità cresce e con essa anche il senso di fame.
  • Dopo 2 giorni:
    la quantità di nicotina in circolo è quasi nulla e il soggetto inizia a sperimentare il mal di testa.
  • Dopo 3 giorni:
    a questo punto la nicotina è scomparsa completamente dall’organismo e la conseguenza sul soggetto è un crescente stato d’ansia.
  • Dopo 1 settimana:
    la sindrome da astinenza da nicotina è ora nel pieno della fase acuta. Il soggetto sperimenta praticamente la totalità dei sintomi associati e dovrebbe impegnarsi il più possibile per evitare le situazioni a rischio, come frequentare luoghi o persone che possano accentuare in lui la voglia di fumare.
  • Dopo 2-4 settimane:
    i sintomi dell’astinenza cominciano finalmente a farsi meno prepotenti. Il soggetto sperimenta in questa fase l’attenuazione dell’appetito, la diminuzione dell’ansia, si sente più sereno e non deve più lottare così duramente per non cedere, come succedeva, invece, nella fase precedente.
  • Dopo 5 settimane:
    il soggetto è guarito, i sintomi spariti del tutto e da ora in poi non fumare sarà solo una questione di volontà.

Leggi anche: La nicotina è cancerogena? La parola alla scienza

In conclusione, disintossicarsi dalla nicotina non è una passeggiata, ma è possibile.

Se hai deciso di intraprendere l’impegnativo percorso di liberazione dal vizio del fumo, ora hai una panoramica abbastanza chiara su ciò che ti aspetta.

Mi raccomando, non perdere di vista l’obiettivo e ricorda che anche la sindrome da astinenza da nicotina non può durare per sempre!