Le principali differenze tra il vaporizzatore e la sigaretta elettronica

Vaporizzatore e sigaretta elettronica: le principali differenze

Sono entrambi utilizzati per inalare una sostanza sotto forma di vapore, ma differiscono per il contenuto da vaporizzare.

Il mondo dello svapo è in costante evoluzione e sul mercato è possibile trovare tantissimi dispositivi ognuno con caratteristiche sue specifiche. Per questa ragione, se sei un neofita di questo mondo è facile disorientarsi.

In questo articolo approfondiamo la differenza tra due prodotti apparentemente simili, ma in realtà sostanzialmente diversi. Parliamo di vaporizzatori e sigarette elettroniche e delle loro caratteristiche distintive.

Se non hai ancora preso confidenza con il gergo del vaping, però, non ti preoccupare, perché partiamo dalle basi.

Leggi anche: Perché personalizzare la sigaretta elettronica è cruciale se hai appena iniziato a svapare

Sigaretta elettronica: le principali tipologie

Le principali tipologie di sigaretta elettronica

Per comprendere cos’è un vaporizzatore bisogna prima dare una definizione di sigaretta elettronica.

Le sigarette elettroniche sono dispositivi che producono vapore usando un liquido, in genere, contenente sostanze aromatiche e quantità variabili di nicotina, il quale viene riscaldato da un atomizzatore e poi inalato (tipo aerosol).

Sono concepite per simulare l’esperienza del fumare una sigaretta tradizionale sia nel loro utilizzo che nell’aspetto, ma senza la combustione del tabacco.

La sigaretta elettronica può essere di diverse tipologie, tra cui le più diffuse sono, in ordine di complessità (per funzionalità e componentistica):

  • e-cig usa e getta: dispositivo con liquido monouso che non necessita di manutenzione; è la tipologia più semplice da usare e anche quella più simile alla sigaretta tradizionale per forma e dimensione.
  • le pod mod: dispositivo compatto composto da una piccola batteria, un serbatoio e un atomizzatore, generalmente non rigenerabile (con testine prefabbricate che si montano rapidamente), con il vantaggio di richiedere una facile manutenzione.
  • le box mod: hanno la caratteristica forma a ’scatoletta’, per nascondere una batteria più generosa che assicura maggiore autonomia; possono essere elettroniche o meccaniche a seconda che abbiano o meno circuiti elettronici di controllo e protezioni contro cortocircuito o surriscaldamento. Questa è la tipologia che presenta l’esperienza di vaping più intensa.

Cos’è un vaporizzatore e come si utilizza

A differenza della sigaretta elettronica, invece, un vaporizzatore è utilizzato per riscaldare non del liquido, ma una sostanza solida, ad esempio delle erbe aromatiche, al fine di produrre un vapore inalabile.

Più nel dettaglio, esso funziona riscaldando il materiale che si vuole vaporizzare a una temperatura (inferiore a quella di combustione) tale da permettere di liberare il vapore, senza bruciarlo, e poterlo così inalare.

In sintesi, dunque, i vaporizzatori sono progettati per vaporizzare diverse sostanze allo stato solido, mentre le sigarette elettroniche sono principalmente utilizzate per inalare nicotina.

Sia la e-cig che il vaporizzatore possono poi avere varie forme e dimensioni e possono essere utilizzati sia in casa che all’aperto (laddove è consentito).

Anche se gli studi riguardo gli effetti delle e-cig e vaporizzatori sull’uomo sono ancora recenti e troppo frammentati, quello che emerge dalle prime evidenze scientifiche è che entrambi questi dispositivi sembrano essere più sicuri e meno dannosi per la salute rispetto alle sigarette tradizionali, poiché il vapore prodotto non contiene tutte quelle sostanze chimiche dannose presenti nel fumo del tabacco, come il catrame e il monossido di carbonio (ma la sigaretta contiene oltre 400 sostanze tossiche, di cui 40 notoriamente cancerogene).

Leggi anche: Sigaretta elettronica: istruzioni per l’uso per i principianti assoluti

Cosa differenzia un vaporizzatore dalla sigaretta elettronica?

Da quanto detto sinora si deduce che la differenza principale tra vaporizzatore ed e-cig riguarda il contenuto da vaporizzare.

La sigaretta elettronica è concepita per vaporizzare liquidi aromatizzati contenenti nicotina, mentre i vaporizzatori sono utilizzati per nebulizzare anche sostanze solide e senza nicotina, come ad esempio erbe aromatiche, resine e oli essenziali.

Questa è la differenza più importante, ma non l’unica.

Sigarette elettroniche e vaporizzatori differiscono anche per il loro aspetto estetico. Le sigarette elettroniche sono generalmente più piccole e leggere rispetto ai vaporizzatori proprio perché tendono ad assomigliare alle classiche sigarette. I vaporizzatori, d’altra parte, sono solitamente più grandi e sono più simili alle penne stilografiche (vape pen come vengono chiamati in gergo).

Per quanto riguarda invece le loro funzionalità, le e-cig tendono ad avere una maggiore durata della batteria (anche perché utilizzano minore potenza), mentre i vaporizzatori possono avere una maggiore capacità di vaporizzazione, dato che permettono di modulare la temperatura di vaporizzazione.

Al contrario, le sigarette elettroniche solitamente non godono di questa opzione e funzionano mantenendo una temperatura fissa.

Inoltre, i vaporizzatori sono tendenzialmente più costosi delle sigarette elettroniche, anche se entrambi i dispositivi possono avere una vasta gamma di prezzi a seconda della qualità e delle funzionalità offerte.

Più in generale, la scelta tra una sigaretta elettronica e un vaporizzatore dipende dalle preferenze e dalle esigenze individuali dell’utente.

Donna che preferisce svapare con e-cig

È meglio la sigaretta elettronica o il vaporizzatore?

La risposta a questa domanda ovviamente dipende dalle esigenze e preferenze personali. Come abbiamo visto, entrambe le scelte hanno dei punti a favore e a sfavore.

Per quanto riguarda gli effetti sulla salute, in particolare, entrambi i dispositivi possono essere opzioni meno nocive rispetto alle sigarette tradizionali, poiché non bruciano tabacco e quindi non producono fumo che è la causa principale delle patologie legate al consumo di tabacco.

Come si è detto, gli studi sinora condotti sull’uso di questi device sono ancora troppo recenti e, dunque, è difficile valutarne gli effetti a lungo termine; questo anche in ragione del fatto che molti utilizzatori di sigarette elettroniche e vaporizzatori sono al contempo anche fumatori ed è pertanto difficile scindere gli effetti sulla salute derivanti dall’uso combinato di dispositivi elettronici e sigarette classiche.

Se ti sei da poco avvicinato al mondo dello svapo, ti consigliamo di visitare il nostro store Terpy, dove puoi scegliere tra le migliori sigarette elettroniche presenti sul mercato del vaping.

Ti aspettiamo su Terpy!