Cerotti alla nicotina: funzionano? Facciamo chiarezza

Esistono alternative migliori dei cerotti alla nicotina per smettere di fumare

Smettere di fumare con i cerotti alla nicotina: è l’alternativa migliore?

Smettere di fumare? E che ci vuole? Basta volerlo davvero”.

Purtroppo tante persone che cercano di liberarsi dalla dipendenza da nicotina si sentono dire spesso queste parole. Nella maggior parte dei casi chi le pronuncia è un non fumatore che non ha idea di quanto sia difficile mettere da parte le sigarette una volta per tutte.

In realtà, quasi sempre non basta ‘volerlo davvero’, ma c’è bisogno del supporto di prodotti ideati per soddisfare il bisogno di nicotina, aiutando così a smettere di fumare. I più diffusi sono le gomme da masticare, gli spray orali e, soprattutto, i cerotti. Questi ultimi in particolare sono estremamente diffusi e vengono pubblicizzati come un ottimo strumento per liberarsi dalle sigarette, efficace e discreto.

Ma funzionano davvero? Chi li utilizza può aspettarsi dei buoni risultati e smettere di fumare definitivamente, senza dover sopportare i sintomi dell’astinenza e senza subire effetti collaterali? O, forse, esistono strumenti più efficaci da utilizzare nella lotta contro il fumo?

Nel seguente articolo risponderemo a queste domande.

Come funzionano i cerotti alla nicotina?

Cerotti alla nicotina: cosa sono e come si utilizzano

I cerotti alla nicotina forniscono una quantità costante e controllata di principio attivo durante tutto il giorno, riducendo gli effetti dell’astinenza. Il loro dosaggio può essere ridotto gradualmente fino a eliminare definitivamente la dipendenza da nicotina. Questi prodotti possono essere acquistati liberamente nelle farmacia e nelle parafarmacie senza impegnativa medica.

I cerotti alla nicotina vanno applicati sulla pelle e tenuti in posizione per un periodo che varia dalle 16 alle 24 ore in base alla tipologia utilizzata.

Se hai intenzione di utilizzarli per smettere di fumare, ecco alcuni consigli per ottenere i migliori risultati: metti il cerotto su un lembo di pelle pulito, asciutto e senza peli. Le zone consigliabili per l’applicazione sono: la parte superiore del petto, la parte superiore del braccio, la spalla o la schiena. Evita di mettere il cerotto su aree irritate o danneggiate. Per evitare di sollecitare eccessivamente la pelle, applicalo ogni giorno su una zona diversa. Evita di metterlo nello stesso posto più di una volta a settimana. Se il cerotto si allenta o cade, sostituiscilo con uno nuovo.

Leggi anche: Gli effetti della nicotina vaporizzata nella sigaretta elettronica

Gli effetti collaterali e le controindicazioni dei cerotti alla nicotina

Indossare un cerotto alla nicotina durante la notte può alterare il sonno e causare disturbi del comportamento durante la fase REM (parasonnie). Quando si manifestano questi sintomi è opportuno togliere il cerotto non appena si va a dormire e applicarne uno nuovo al risveglio..

A causa del contatto della nicotina con la pelle, alcune persone provano prurito, bruciore o formicolio quando utilizzano questi prodotti per la prima volta. Di norma questo effetto collaterale scompare entro un’ora. In altri casi possono insorgere sintomi più fastidiosi come il rossore e il gonfiore nella zona di applicazione del cerotto.

Talvolta si possono manifestare anche disturbi legati al sovradosaggio della nicotina, tra i quali diarrea, vertigini, mal di testa, mal di stomaco e vomito. In rari casi i cerotti possono causare effetti collaterali piuttosto severi come l’aumento della frequenza cardiaca, anomalie del battito del cuore, difficoltà respiratorie, convulsioni e gravi eruzioni cutanee.

Prima di utilizzare i cerotti alla nicotina è opportuno parlarne con un medico di fiducia, valutando l’eventuale presenza di condizioni di salute per le quali l’utilizzo di questi prodotti può essere controindicato. In particolare bisogna procedere con cautela quando si soffre di:

  • ipersensibilità ai bendaggi;
  • allergie a determinati farmaci;
  • diabete;
  • patologie cardiache;
  • ipertensione;
  • patologie renali;
  • malattie epatiche;
  • ulcera gastrica;
  • patologie dermatologiche;
  • malattie della tiroide.

Inoltre è opportuno non utilizzare i cerotti durante la gravidanza. Le donne che aspettano un bambino e che hanno la necessità di portare avanti una terapia anti-fumo possono ricorrere a prodotti che non rilasciano continuamente nicotina lungo il corso dell’intera giornata, come chewing-gum e spray orali.

La sigaretta elettronica è un'alternativa più efficace per smettere di fumare rispetto ai cerotti con nicotina

Cerotti alla nicotina: ci sono alternative più efficaci?

I cerotti alla nicotina erano un metodo per smettere di fumare piuttosto utilizzato fino a una decina di anni fa. Tuttavia non sono mai stati particolarmente efficaci perché soddisfano solo la dipendenza fisica ma non quella psicologica e comportamentale.

Chi fuma, infatti, non vede le sigarette solo come uno strumento mediante il quale assumere nicotina. Ci sono altri aspetti legati al tabagismo che in passato venivano trascurati: le sensazioni provocate dall’inalazione e dall’espirazione, la gestualità e la ritualità sociale. Per questo motivo i cerotti alla nicotina, e anche tutti gli altri dispositivi per la lotta al fumo come le gomme da masticare, non riescono a soddisfare completamente chi li utilizza.

Le sigarette elettroniche, invece, sembrano aver risolto questi problemi, e anche la comunità scientifica sembra ormai considerarle la migliore alternativa per smettere di fumare. La prova della loro efficacia proviene da una ricerca di Cochrane che si è avvalsa del contributo di una cinquantina di studi medici condotti in tutto il mondo.

Cochrane è un’organizzazione internazionale no-profit che raccoglie e divulga evidenze scientifiche accurate e aggiornate in ambito medico grazie al lavoro di numerosi professionisti sanitari.

Le conclusioni degli esperti che collaborano con questo ente suggeriscono che i dispositivi per lo svapo sono più efficaci per aiutare i fumatori a smettere rispetto ai cerotti o alle gomme alla nicotina, e che le sigarette elettroniche sono notevolmente meno dannose di quelle tradizionali.

Leggi anche: Monopolio di stato sigarette elettroniche: tutto quello che c’è da sapere

In conclusione

Abbiamo spiegato come si utilizzano i cerotti alla nicotina, quali sono gli effetti indesiderati legati al loro utilizzo e qual è la loro reale efficacia. Questi prodotti possono aiutare a smettere di fumare combattendo la dipendenza da nicotina, ma possiedono diversi punti deboli che ne pregiudicano il successo.

Attualmente la comunità scientifica sembra indicare le sigarette elettroniche come il migliore strumento per combattere la lotta contro il tabagismo.

Se anche tu stai cercando di smettere di fumare, ma non riesci a farlo senza un aiuto esterno, prova a ricorrere alla sigaretta elettronica. Scegli il tuo nuovo dispositivo su Terpy, il vape shop numero 1 in Europa, e rifornisciti dei migliori liquidi per lo svapo.