Pulizia atomizzatore dell’E-Cig: dritte per una pulizia perfetta

pulizia atomizzatore sigaretta elettronica

Come pulire al meglio l’atomizzatore della tua sigaretta elettronica.

Una sigaretta elettronica pulita è indispensabile sia per questioni igieniche sia per ottenere delle prestazioni ottimali. Nonostante gli ingredienti dei liquidi svapo (Glicerolo, Glicole Propilenico, eventuale nicotina liquida e aromi sigaretta elettronica) di solito non macchino i componenti del dispositivo, devi considerare che i residui di E-Liquid si accumulano.

Il liquido stesso, in particolare la Glicerina Vegetale in esso contenuta, trattiene lo sporco all’interno del drip tip: il rischio è di svapare non solo il liquido nebulizzato ma anche polvere e batteri accumulati nel tempo! Inoltre il drip tip stesso viene a contatto con le labbra, la saliva e perfino con polvere e sporco.

In vendita puoi trovare delle protezioni in silicone simili a dei tappi con i quali puoi proteggere il bocchino, ma a prescindere da questo ti consigliamo di lavare l’accessorio almeno una volta al giorno. Un po’ di acqua calda, sapone e un cotton fioc per pulire le parti interne e il gioco è fatto.

Discorso diverso va fatto per pulire l’atomizzatore della sigaretta elettronica; in questo caso bisogna fare un’accurata distinzione tra atomizzatori rigenerabili e non rigenerabili.

come pulire atomizzatore sigaretta elettronica

Pulizia dell’atomizzatore non rigenerabile.

Se possiedi un atomizzatore non rigenerabile devi sostituire la coil esausta e lavare bene l’atomizzatore (circa una volta ogni 7 giorni o poco più).

Farlo è molto semplice: basta lavare sotto acqua corrente – meglio se ad elevate temperature –, rimuovendo lo sporco con uno spazzolino da denti.

Asciuga con carta assorbente o con un panno pulito e utilizza l’atomizzatore solo al termine dell’operazione, quando sarà ben asciutto. Se hai tempo puoi anche lasciarlo asciugare all’aria.

Leggi anche: Basi neutre con nicotina: 3 aspetti sostanziali per non commettere errori.

Come pulire un atomizzatore rigenerabile.

Se possiedi un atomizzatore rigenerabile puoi pulirlo a ogni cambio del cotone, meno frequente quando si utilizzano aromi estratti e più frequente quando si utilizzano macerati di tabacco.

Nel caso di un rigenerabile devi rimuovere il cotone e sciacquare bene la resistenza sotto l’acqua corrente (anche in questo caso ben calda) possibilmente con il supporto di uno spazzolino o un altro strumento. Pulisci bene tutte le parti dell’atomizzatore: è necessario lavare il tank – il contenitore del liquido – della sigaretta elettronica, la campana etc.

Asciuga bene, rimetti il cotone, rimonta tutto.

Se vuoi effettuare una pulizia più accurata e profonda, consigliabile ogni 3 pulizie sotto acqua corrente, puoi smontare completamente l’atomizzatore e immergere ogni sua parte in acqua calda e bicarbonato/ aceto/ limone. Lascia in ammollo per mezzora circa in modo da rimuovere tutti i residui di E-Liquid.

In alternativa, se la possiedi o intendi acquistarne una, puoi utilizzare la lavatrice a ultrasuoni. Questo sistema ti permette di pulire il tuo atomizzatore in maniera veloce e molto più efficace del lavaggio in acqua corrente o dell’ammollo.

Come pulire l’atomizzatore con la lavatrice a ultrasuoni

lavatrice a ultrasuoni per pulire atomizzatore sigaretta elettronica

Il pulitore a ultrasuoni per sigaretta elettronica è poco dispendioso (una lavatrice a ultrasuoni base costa circa 40€) e semplice da utilizzare. Devi semplicemente smontare l’atomizzatore, inserirlo dentro il pulitore e coprire ogni parte con acqua distillata – in modo da evitare residui di calcare -.

Eventualmente puoi aggiungere aceto bianco o bicarbonato in piccole quantità.

Una volta accesa, la lavatrice a ultrasuoni igienizza perfettamente ogni singola parte del tuo atomizzatore. Durante i processi di pulizia della sigaretta elettronica, però, devi considerare anche le box bottom feeder e i tubi meccanici, che necessitano procedimenti diversi.

Leggi anche: Base neutra sigaretta elettronica: cos’è e a cosa serve.

Come pulire le box bottom feeder a lamelle e i tubi meccanici

Sia i tubi che le box hanno bisogno di un processo di pulizia periodico affinché mantengano la loro efficienza. Per quanto riguarda i tubi meccanici, devi sapere che le operazioni di pulizia devono concentrarsi sopratutto tra le filettature.

A tal proposito è necessario usare dei prodotti specifici capaci di eliminare le ossidazioni: bagna uno straccio con il prodotto e pulisci bene le filettature, in modo che la tua sigaretta elettronica funzioni al meglio.

Anche le box necessitano pulizie accurate concentrate in particolare nelle lamelle: rimuovi le lamelle e puliscile alla perfezione.

In conclusione

La pulizia regolare della sigaretta elettronica è necessaria per via dei residui di liquido (in particolare di VG e aromi svapo) che si accumulano al suo interno e trattengono anche polvere e sporcizia.

Igienizzare l’atomizzatore della tua E-Cig e le altre parti è indispensabile sia per evitare di inalare sporco, polvere e altre sostanze, sia per avere un’esperienza di svapo sempre ottimale.

Ora che sai come pulire la tua sigaretta elettronica vorresti provare i migliori liquidi sigaretta elettronica? Dai subito un’occhiata al nostro shop Terpy!