Il liquido per sigaretta elettronica fa male? Ecco cosa dice la scienza.

liquido sigaretta elettronica fa male

I liquidi per la sigaretta elettronica fanno male alla salute oppure sono sicuri? Qui trovi la risposta.

Chi si approccia per la prima volta alla sigaretta elettronica ha, di solito, una precisa domanda per la testa: “Il liquido per sigaretta elettronica fa male?”.

Si tratta pur sempre di una sostanza (vaporizzata) da inalare, dunque un quesito del genere è assolutamente sensato da parte delle persone che vogliono migliorare il proprio stato di salute abbandonando la sigaretta tradizionale.

Oggi vogliamo rispondere proprio a questa domanda, parlandoti prima di tutto della composizione dei liquidi per sigaretta elettronica – con o senza nicotina – e, poi, delle opinioni del mondo scientifico a riguardo.

Ci auguriamo di assolvere tutti i tuoi dubbi, ma se hai ancora qualche domanda puoi leggere ulteriori articoli del nostro blog o contattarci!

Ingredienti dei liquidi per sigaretta elettronica: sono adeguati allo svapo o fanno male alla salute?

composizione liquidi sigaretta elettronica fa male

La composizione di un liquido per sigaretta elettronica è la stessa in tutto il mondo; possono variare le quantità di nicotina (che, qui in Italia, hanno un limite ben preciso) ma, in linea generale, i liquidi svapo sono realizzati con:

  • Glicole Propilenico (PG), una sostanza liquida inodore e incolore che presenta una consistenza vischiosa e un sapore dolciastro. Viene utilizzato nelle industrie di numerosi settori, anche nell’industria farmaceutica e in quella cosmetica, come solvente, veicolo per fragranze, umettante e molto altro ancora. Essendo un composto chimico idrosolubile, è particolarmente indicato per la realizzazione di numerosi prodotti, compresi i liquidi svapo. Il Glicole propilenico è sicuro per il nostro organismo, anche se alcune persone possono sviluppare un’intolleranza a questo composto e, di conseguenza, devono evitarne l’assunzione o assumerne in quantità ridotte.
  • Glicerina vegetale (VG), chiamata anche Glicerolo. È un composto naturale prodotto da oli vegetali (ad esempio l’olio di cocco o l’olio di soia) e destinato all’uso alimentare, cosmetico ma anche per la realizzazione di prodotti farmaceutici, erboristici e perfino detergenti per l’igiene della casa. Anche la glicerina vegetale è un composto assolutamente sicuro per la nostra salute, tanto che da essere naturalmente presente nell’organismo umano ed animale.
  • Aromi svapo, del tutto simili agli aromi alimentari. Sono sostanze chimiche ottenute mediante sintesi, estrazione o macerazione di prodotti naturali (spesso da fiori e piante aromatiche). In alternativa si possono ottenere mediante la riproduzione, in laboratorio, delle molecole aromatiche naturali. Gli aromi per sigaretta elettronica sono disciolti in Glicole propilenico – il quale, ti ricordiamo, è un eccellente trasportatore di aromi – e basta discioglierne piccole percentuali per ottenere un liquido altamente profumato e gustoso.
  • (Eventuale) Nicotina liquida: è un composto organico presente in natura sia nel tabacco che nelle solanacee (pomodori, peperoni, melanzane e patate), capace di stimolare la produzione di dopamina, serotonina, adrenalina e altri ormoni. Come ben saprai se fai uso di sigarette, la nicotina dà dipendenza sia psichica che fisica in maniera estremamente rapida. Chi interrompe la sua assunzione riscontra veri e propri sintomi di astinenza: ecco perché è così difficile smettere di fumare interrompendo nettamente l’uso di nicotina. I liquidi per sigaretta elettronica con nicotina sono dunque fondamentali per smettere di fumare senza ricadere nelle classiche sigarette; è però fortemente consigliato ridurre progressivamente le concentrazioni di nicotina in modo da arrivare presto all’abbandono di questa sostanza.

Come puoi notare, la nicotina è l’unica sostanza dei liquidi svapo tossica per il nostro organismo, ma indispensabile per non ricadere nelle sigarette analogiche.

Per motivi di sicurezza, la TPD (normativa europea sulla sigaretta elettronica) impone un limite massimo di 20mg/ml di nicotina contenuta nei liquidi svapo. Ogni vaper può dunque scegliere quanta nicotina assumere da 0 fino a 20mg/ml.

Ma cosa dice la scienza riguardo la salubrità delle sigarette elettroniche? Il liquido per sigaretta elettronica fa male oppure no?

Leggi anche: Liquidi pronti da svapare per ogni stagione

Sigaretta elettronica & salute: ecco l’opzione della Fondazione AIRC per la Ricerca sul Cancro.

Come probabilmente saprai, la Fondazione AIRC per la Ricerca sul Cancro è un ente privato senza fini di lucro, nato dall’iniziativa di diversi ricercatori dell’Istituto dei tumori di Milano, fra cui il professor Umberto Veronesi.

L’AIRC si è di recente espressa sull’utilizzo dei liquidi per sigaretta elettronica e sulla differenza tra questi e la sigaretta tradizionale.

In particolare, afferma che l’utilizzo della e-cigarette può essere utile per controllare la dipendenza da nicotina e consente di evitare sia il catrame che i numerosi gas tossici contenuti nel fumo di sigarette, pipa e sigari.

Devi infatti sapere che la sigaretta classica contiene circa 4000 sostanze chimiche di cui circa 400 tossiche (di cui molte cancerogene). Durante la combustione del tabacco e della carta in cui esso è racchiuso, vengono sprigionate componenti fortemente cancerogene, responsabili di gravi patologie alle vie respiratorie – e non solo -.

Nella sigaretta elettronica, invece, non avviene alcuna combustione: i liquidi vengono portati a ebollizione e vaporizzati. Si tratta, dunque, di un processo molto più sicuro della combustione.

Nonostante ciò, la Fondazione AIRC sconsiglia fortemente l’utilizzo della sigaretta elettronica da parte dei non fumatori. Questo strumento dev’essere considerato esclusivamente come un dispositivo per smettere di fumare, non destinato all’uso ricreativo.

Infatti la nicotina è potenzialmente dannosa per la salute dell’uomo: favorisce l’ipertensione, il diabete e potrebbe interferire nel corretto sviluppo neurologico dei più giovani.

Per questo, le quantità di nicotina dei liquidi svapo dovrebbero essere ridotte nel tempo fino ad arrivare allo zero.

Svapare fa male ai polmoni? Non è ancora chiaro, ma l’e-cig è nettamente più sicura sigaretta classica.

La sigaretta elettronica è nettamente meno pericolosa rispetto alla sigaretta tradizionale, alla pipa e al sigaro. I componenti dei liquidi legali in Italia sono sicuri e contenuti perfino negli alimenti e nei prodotti farmaceutici, erboristici e cosmetici.

Nonostante ciò, non è ancora possibile verificare gli (eventuali) danni dello svapo, sia perché il vaper è solitamente un ex fumatore sia perché l’e-cig è uno strumento molto recente.

Essendo però uno strumento a vapore, possiamo affermare con sicurezza che, mediante il suo utilizzo, si evitano tutte le sostanze tossiche date dalla combustione del tabacco e della carta.

combustione sigaretta cancerogena

Anche i medici confermano che la sigaretta elettronica possa essere uno strumento utile per smettere di fumare, ma sconsigliano il suo utilizzo ai non fumatori poiché non è ancora possibile stabilire se il suo utilizzo continuativo faccia male ai polmoni.

Leggi anche: Wismec R40 Pod Mod: scopri il kit AIO multifunzionale

Anche tu vuoi abbandonare la sigaretta tradizionale con l’aiuto dell’e-cigarette? Acquista subito i migliori dispositivi e prodotti per lo svapo online su Terpy: ti aspettiamo!

Fonte: https://www.airc.it/cancro/informazioni-tumori/corretta-informazione/la-sigaretta-elettronica-e-meno-pericolosa-della-sigaretta-di-tabacco