La sostanziale differenza tra aromi e liquidi

differenza tra aromi e liquidi e-cig

Sigaretta elettronica: liquidi pronti o aromi? Ciò che devi sapere prima di acquistarli.

Quando acquisti una sigaretta elettronica per la prima volta, generalmente i negozianti non ti propongono un aroma concentrato da diluire ma piuttosto dei liquidi svapo pronti.

Questo accade, comprensibilmente, per evitare di darti troppe nozioni tutte assieme e per fornirti un prodotto entry level che faccia il suo dovere. Un vaper alle prime armi, solitamente, non vuole troppi pensieri ma solo la sua e-cig scintillante e bella vaporosa.

differenza aromi scomposti e concentrati

Più ti affezioni a questo mondo però, più crescono le tue esigenze e la voglia di provare ogni tipo di liquido da svapo e hardware. Man mano che la curiosità galoppa, potresti trovarti a desiderare dei prodotti molto particolari e ancora poco conosciuti.

Non ci sono limiti ai possibili gusti dei liquidi sigaretta elettronica: dalla frutta al tabacco, dalle creme agli aromi speciali. Quello che devi sapere prima di acquistarli però, sono alcune differenze tra i liquidi pronti, gli aromi concentrati e quelli scomposti.

Andiamo a vederle ora nello specifico, in modo da darti una panoramica sul mondo dei liquidi per sigaretta elettronica e sulle tipologie esistenti.

Quali liquidi scegliere per svapare al meglio?

Prima di inalberarti in folli carrelli online stracarichi di liquidi per sigaretta elettronica, ci sono delle piccole e semplici linee guida che dovresti conoscere per avere una migliore esperienza di svapo.

Quello che dovresti sapere è che i produttori propongono i liquidi da svapo principalmente in 3 formati:

  • Liquidi svapo pronti
  • Aromi concentrati
  • Aromi scomposti

Sui liquidi pronti poco da dire: si tratta di liquidi per sigaretta elettronica pronti all’uso, tendenzialmente composti da glicole propilenico (PG), glicerina vegetale (VG), aromi alimentari ed eventuale nicotina.

La nicotina, per legge, non può superare la percentuale di 20mg/ml e non può essere venduta in contenitori maggiori della quantità di 10ml (TPD, emendamento europeo del 2017 che regola i prodotti che contengono la nicotina).

Leggi anche: Liquidi scomposti e aromi: ecco le principali differenze

Ciò su cui vogliamo concentrarci maggiormente però, è la differenza tra aromi scomposti e concentrati.

La sostanziale differenza tra aroma concentrato e scomposto.

liquidi pronti o aromi concentrati

In entrambi i casi si tratta di aromi da diluire, quindi è facile fare confusione. Gli aromi concentrati possono essere di due tipi:

  • Sintetici: creati in laboratorio con aromi alimentari
  • Organici: estratti da una matrice reale (come la frutta, il tabacco o altro ancora)

In molti casi gli aromi concentrati (molto comuni quelli di tabacco) vengono venduti disciolti in una piccola quantità di PG (glicole propilenico) ed hanno quindi una densità molto alta. Solitamente il formato degli aromi concentrati in commercio è da 10ml.

La diluizione in base eliquid neutra deve essere calcolata: solitamente l’azienda produttrice consiglia un certo dosaggio o un range specifico. Questo non è tuttavia vincolante e potrai, a seconda dei tuoi gusti, provarne diverse.

In ogni caso ti consigliamo di partire con una percentuale bassa ed eventualmente aumentarla qualora desiderassi una percezione maggiore dell’aroma in questione. Senza esagerare però, perché rischi di “asfaltare” le tue papille gustative e finiresti per sentire meno aroma.

Gli aromi scomposti invece sono venduti in un formato particolare: un flacone “chubby gorilla” con capienza da 60ml al cui interno sono presenti 20ml di aroma. Per preparare il liquido è necessario unire all’aroma 40ml di base neutra secondo indicazioni del produttore.

Dopo una bella shakerata il liquido, a meno di maturazione consigliata nelle istruzioni, è pronto per essere svapato. Si tratta di una tipologia di e-liquid che rappresenta una via di mezzo tra i liquidi pronti e gli aromi concentrati.

In questo modo il vaper si affaccia al mondo della diluizione in base neutra, che dovrà essere preparata precedentemente per agevolare i passaggi. I più scafati sono soliti mixare una quantità cospicua di base neutra (secondo i propri gusti) da avere a disposizione per diluire più aromi.

Leggi anche: Liquidi per sigarette elettroniche, in Italia scatta l’obbligo del codice UFI

Alla luce di tutto, quale è meglio scegliere?

Probabilmente ora hai le idee più chiare sulle differenze tra i liquidi per sigaretta elettronica e aromi ma forse non sai ancora bene quale sia meglio scegliere.

La verità è che non c’è una risposta. Alcuni produttori vendono i loro liquidi in tutti e tre i formati (pronti all’uso, aromi concentrati e scomposti), altri preferiscono solo una o due categorie.

Cosa stai aspettando allora? Clicca subito qui e prova i migliori prodotti per sigaretta elettronica del mercato!