Aromi macerati: cosa sono e come vengono prodotti

Aromi macerati per e-cig

Meglio aromi estratti o macerati per sigaretta elettronica?

Ti sei mai chiesto quale sia la differenza tra gli aromi estratti e macerati per liquidi sigaretta elettronica? I nostri aromi svapo per esempio sono degli estratti.

Un piccolo incipit ci aiuterà a spiegarti meglio la diversità delle due tipologie: innanzitutto, per parlare di estrazione e macerazione, è necessario partire da una materia prima fisica.

Che si tratti di tabacco, cannabis, altre erbe o frutta, quando parliamo di aromi estratti o macerati significa che stiamo partendo da un vegetale reale e non da prodotti sintetici che escono da un laboratorio.

Questo porterà ad un prodotto finale aromaticamente più fedele alla matrice iniziale rispetto ad un prodotto creato ad hoc in maniera sintetica.

Una fragola ha l’odore e il sapore di una vera fragola, un chewin gum alla fragola riprende i veri aromi della fragola amplificandone la dolcezza, diminuendone l’acidità e intensificandone il colore.

Molte aziende produttrici di liquidi svapo preferiscono sposare una delle due tecniche di produzione, altre presentano linee di aromi in entrambe le chiavi.

Ma quale scegliere tra aromi estratti o macerati? Andiamo a vedere nello specifico la differenza tra i due prodotti.

Gli aromi estratti per E-Cig

svapo liquidi e aromi sigaretta elettronica

L’estratto è un prodotto derivante dalla materia prima organica che viene tendenzialmente processata tramite un macchinario estrattore.

Si tratta di una tecnologia innovativa di estrazione solido-liquido che, tramite la pressione, “strizza” la materia organica e, per mezzo di un solvente (spesso etanolo, alcool alimentare), permette l’estrazione degli aromi.

La risultante semi-solida, detta “la concreta”, viene poi disciolta nel glicole propilenico (PG) e avviata ai processi di purificazione.

Per capire meglio il funzionamento di questo macchinario, potresti pensare ad un frantoio, solo che in questo caso la materia di base viene miscelata con l’etanolo per una purificazione batterica della matrice organica.

Il risultato è un prodotto molto fedele alla materia prima sia nel sapore che nel profumo: la percentuale di diluizione in base neutra (1-4%) per e-liquid potrà perciò essere inferiore ai macerati.

Un vantaggio degli aromi concentrati, rispetto a quelli macerati, è che i tempi di maturazione dell’aroma nella base neutra per e-cig sono molto più brevi, quindi il liquido sarà svapabile molto presto (in alcuni casi immediatamente).

Leggi anche: Aromi sigaretta elettronica: ciò che devi conoscere sulla loro scadenza

Gli aromi macerati per sigaretta elettronica

aromi macerati per sigaretta elettronica

Devi sapere che gli aromi macerati vengono creati per mezzo della macerazione a freddo della materia prima organica in glicole propilenico (PG) e, tramite l’utilizzo di ultrasuoni, avviene l’estrazione dell’aroma.

Gli ultrasuoni sono onde meccaniche che si propagano nel liquido e che creano un’alternanza continua di compressioni e decompressioni della materia prima messa in ammollo.

Questo comporta tempi maggiori sia nella creazione dell’aroma stesso che in fase successiva di diluizione in base neutra per e-cig.

Infatti tendenzialmente gli aromi macerati, dopo la miscelazione con base neutra, hanno dei tempi di maturazione che possono variare da pochi giorni a vari mesi, per poter esprimere a pieno il proprio potenziale.

Oltretutto, gli aromi macerati risultano più morbidi sia nei profumi che nei sapori rispetto agli estratti, più prepotenti a livello di impatto.

Ciò significa anche che la percentuale di diluizione degli stessi in base neutra per sigaretta elettronica dovrà essere maggiore (in molti casi si tratta del 10% del liquido finale).

Che sistema è meglio utilizzare per svapare aromi organici?

Forse ti starai chiedendo se per svapare aromi organici è preferibile un sistema rigenerabile o a testine.

Se queste diciture ti suonano nuove facciamo subito chiarezza a riguardo. Gli atomizzatori per sigaretta elettronica si dividono in due grandi categorie:

  • Atom non rigenerabili (o a testina): utilizzano delle resistenze specifiche per quell’atom e si acquistano preconfezionate
  • Atom rigenerabili: utilizzano resistenze artigianali che il vaper crea per mezzo di semplici strumenti (filo resisitivo e cotone)

La differenza tra i due sistemi sta principalmente nel fatto che i rigenerabili hanno mediamente una resa aromatica migliore e danno la possibilità di rigenerare (cambiare la resistenza) in modo più economico.

Fino a qualche tempo fa era impossibile pensare di svapare liquidi organici su atom a testine, poiché l’artigianalità degli aromi faceva sì che le resistenze si bruciassero in tempi molto brevi (pochi ml).

Questo portava a preferire un sistema rigenerabile, più che altro perché il costo di una singola testina è circa uguale a quello di 10m di filo resisitivo (con il quale si possono fare circa 100 resistenze).

Le nuove tecniche di estrazione, tuttavia, hanno portato alla creazione di un prodotto finale molto più pulito e tranquillamente utilizzabile anche su atom non rigenerabili senza dover cambiare resistenza ogni giorno.

Leggi anche: Aromi correttori: cosa sono e perché si utilizzano

Aromi organici macerati o concentrati: quali scegliere?

Abbiamo visto nei paragrafi precedenti le differenze tra le due tipologie di aromi, i vantaggi e gli svantaggi delle stesse ed ora forse ti chiederai quali sia meglio scegliere.

Non esiste una risposta esatta, entrambi i prodotti possono essere ottimi; quello che conta maggiormente è la qualità della materia prima utilizzata.

Gli aromi Terpy sono degli estratti di materia di prima scelta, certificati e naturalmente alimentari.

Se sei curioso di provarli clicca qui ed entra nel nostro catalogo!